Se Tollerate Questo

…perché pensare di essere risparmiati?

Burocraxia

with 3 comments

Colgo il suggerimento incapsulato nel commento di F. al post precedente e passo sull’altro fronte. Se da un lato c’è la polposa opportunità di sentirsi le splendide registrazioni di Patrizia D’Addario & papi & friends (meglio le trascrizioni per i faint@heart come me), dall’altro il panorama offre le splendide acrobazie del PD e della sua rutilante (rutilante!, non “rutellante”!) burocrazia.

Immagino più un Darth Bersani che un Darth Franceschini... La musica è la stessa, sia chiaro.

Immagino più un Darth Bersani che un Darth Franceschini... La musica è la stessa, sia chiaro.

C’hanno lo Statuto, il Codice Etico, la Carta dei Valori, l’Assemblea ma anche la Direzione Nazionale.

Si lamentano perché non riescono a mettere insieme un milioncino di tesserati. Ma porco di un #@*, ma se per tesserarti devi fare un triplo salto carpiato ritornato raggruppato rovesciato flambé! Per fare un esempio: con la splendida norma che prevede che per tesserarsi ci si debba recare presso il circolo territorialmente competente sul proprio luogo di residenza questi genî (proprio così, con l’accento circonflesso) hanno messo fuori gioco tutti quelli che per lavoro vivono lontano dal proprio luogo di residenza (a meno che non vogliano prendersi delle ferie per andare a ritirare la tessera…). E questi volevano usare la rete… o meglio, dicevano… 2.0… come Obama… inclusione… collaborazione…

La verità delle intenzioni non è tra le pieghe, non c’è da cercarla neppure troppo lontano, fa bella mostra di sé in superficie:

“[…] le primarie per l’elezione del segretario sono una regola assurda, figlia di una concezione che ha portato la società civile a invadere, occupare il partito” (ANSA, Roma 5 luglio)

Il baffo più intelligente della politica italiana

La società civile non deve rompere i coglioni! Deve rimanere dov’è, opporcamiseria! possibile che ancora non ci si sia capiti? Ascoltate il capo, diobonino.

Vado a remixare le tracce audio di Patrizia & papi. Presto in tutti i migliori àrdiscàunt il cofanetto “The D’Addario Sessions Remix”.

P.S. psss! psss! avete visto?

PDA: Che dolore, all’inizio mi hai fatto un dolore pazzesco
SB: Ma dai! Non è vero!
PDA: Ti giuro, un dolore pazzesco all’inizio

Allora papi tiene ‘na minchia tanta! [sì, certo: mai furono tanto profusamente glorificati 8 centimetri…]

Annunci

3 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. Questa è me-ra-vi-glio-sa:

    SB che illustra alla cotanta PDA Villa Certosa:

    (dalle registrazioni)

    SB: Questa è una balena fossilizzata
    SB: Sotto qua abbiamo scoperto 30 tombe fenice … del 300 avanti cristo
    SB: Ecco, vedi, questi qua sono i meteoriti.

    Francesco :-DDD

    23 luglio 2009 at 5:02 pm

  2. Pensavi che il PD avesse toccato il fondo con le seghe (si può dire su internet?) congressuali…c’è chi s’è messo a scavare!

    Ecco un articolo (firmato!) da un intellettuale d’area (si può dire intellettuale su internet?):
    http://www.unita.it/news/la_storia/86769/la_virilit_di_don_vincenzino

    Francesco :-(

    25 luglio 2009 at 9:46 pm

  3. inchia! ma l’è prop l’Anna Finocchiaro che scrive di queste cose? E’ che non m’aspettavo prop tanta freschezza.
    Diffiderò dei bravi scrittori.

    panormo

    5 agosto 2009 at 10:55 pm


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: